Wii – Dojo Play https://www.dojoplay.it Giocare ai videogames su ogni console Mon, 29 Oct 2018 18:53:13 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.7 Nintendo Switch: tutte le caratteristiche della tua prossima consolle https://www.dojoplay.it/2018/10/nintendo-switch-tutte-le-caratteristiche-della-tua-prossima-consolle.html https://www.dojoplay.it/2018/10/nintendo-switch-tutte-le-caratteristiche-della-tua-prossima-consolle.html#respond Mon, 29 Oct 2018 18:53:13 +0000 https://www.dojoplay.it/?p=885 Se stai pensando di acquistare o farti regalare la consolle Nintendo Switch, si tratta di una scelta estremamente versatile: per prima cosa, può essere collegata al televisore di casa ma in base alle necessità ti consente di optare anche per altre strategie di gioco. Se vuoi utilizzarla come una classica consolle da videogiochi, collegala con …

The post Nintendo Switch: tutte le caratteristiche della tua prossima consolle appeared first on Dojo Play.

]]>
Se stai pensando di acquistare o farti regalare la consolle Nintendo Switch, si tratta di una scelta estremamente versatile: per prima cosa, può essere collegata al televisore di casa ma in base alle necessità ti consente di optare anche per altre strategie di gioco. Se vuoi utilizzarla come una classica consolle da videogiochi, collegala con il cavo HDMI e sfrutta le dimensioni del tuo schermo di casa o del monitor del PC.

Utilizzala in alternativa nella modalità “da tavolo” grazie al comodo stand integrato sul retro comodissimo anche per due player, mentre in modalità portatile i joystick vanno lasciati inseriti alla consolle sfruttando lo schermo da 6,2 pollici per giocare in qualunque luogo e momento.

Nintendo Switch: come funziona

Dal menù principale è possibile avviare i giochi e scegliere le impostazioni, gestendo gli account e i settaggi principali della consolle. Da questa schermata potrai leggere le ultime notizie relative ai giochi, acquistare i videogames in formato digitale e ricevere video e offerte promozionali. Inoltre potrai sfogliare le immagini catturate durante il gioco in un pratico e divertente album digitale personalizzabile con immagini e testi prima di condividerlo con i tuoi amici attraverso i social network.

Attraverso il pulsante di cattura presente sul joypad sinistro poi salvare le screen durante il gioco e registrare fino a 30 secondi di video in alcuni titoli che lo consentono. Per ricevere notizie e aggiornamenti nonché per la condivisione delle immagini, la consolle deve essere collegata ad Internet ed essere registrata attraverso l’account Nintendo.

Infornazioni tecniche Nintendo Switch

Si tratta di una consolle estremamente compatta e maneggevole che misura 102 × 239 mm e circa 14 mm di spessore con i joypad collegati (considerando i punti più spessi). Pesa poco meno di 300 g che diventano circa 400 con i controller.


La risoluzione è di 1280 × 720 pixel e le dimensioni superano i sei pollici (6,2″). La memoria di sistema è di 32 GB di cui poco più di sei sono riservati per il sistema operativo.
È compatibile con schede di memoria microSD anche ad alta capacità, dispone di accelerometro, giroscopio e sensore che regola la luminosità dello schermo in funzione di quella dell’ambiente circostante. La batteria non è removibile ma il consumatore potrà all’occorrenza ricorrere al servizio di sostituzione a pagamento al di fuori della garanzia. La durata è stimata in oltre sei ore ma nello specifico le tempistiche dipendono dal software e dal tipo di utilizzo nonché dalla luminosità dello schermo.
La ricarica completa quando la console è in stato di riposo avviene in tre ore.

Compatibilità Amiibo e Nintendo Switch

La consolle Nintendo Switch è compatibile con Amiibo, una iniziativa Nintendo per interagire in modo originale e divertente con i giochi e i personaggi. Si tratta di statuette o carte interattive da utilizzare nell’ambito dei titoli compatibili che sbloccano nuove funzionalità, ad esempio una modalità di gioco oppure armi personalizzazioni, aumentano le abilità… al fine di migliorare l’esperienza di gioco.
Puoi cambiare grazie ad Amiibo l’aspetto dei personaggi nel videogioco ampliando le opzioni, sbloccando nuove avventure per raccogliere oggetti nascosti e così via.
Accertati che il gioco sia compatibile con Amiibo prima di acquistarlo: basta leggere la pagina di ogni personaggio riportata online sul sito Nintendo ufficiale o sulle confezioni; per utilizzare tutte le funzionalità potrebbe essere richiesto un aggiornamento del software dalla consolle sia a livello di singolo gioco che di sistema operativo.

The post Nintendo Switch: tutte le caratteristiche della tua prossima consolle appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2018/10/nintendo-switch-tutte-le-caratteristiche-della-tua-prossima-consolle.html/feed 0
I migliori giochi per Nintendo Wii: dal fitness alle corse in automobile https://www.dojoplay.it/2018/08/i-migliori-giochi-per-nintendo-wii-dal-fitness-alle-corse-in-automobile.html https://www.dojoplay.it/2018/08/i-migliori-giochi-per-nintendo-wii-dal-fitness-alle-corse-in-automobile.html#respond Mon, 06 Aug 2018 15:54:50 +0000 https://www.dojoplay.it/?p=880 In questo articolo analizziamo i migliori giochi per categoria della consolle Nintendo Wii, per darti alcuni spunti di acquisto a seconda delle tue preferenze ludiche. Se siete i fortunati possessori di questa consolle (o se dovete fare un gradito regalo) ogni titolo fa storia a sé: si tratta di videogiochi ideali sia per un divertimento …

The post I migliori giochi per Nintendo Wii: dal fitness alle corse in automobile appeared first on Dojo Play.

]]>
In questo articolo analizziamo i migliori giochi per categoria della consolle Nintendo Wii, per darti alcuni spunti di acquisto a seconda delle tue preferenze ludiche.
Se siete i fortunati possessori di questa consolle (o se dovete fare un gradito regalo) ogni titolo fa storia a sé: si tratta di videogiochi ideali sia per un divertimento in compagnia sia da soli, con titoli adatti ad ogni età.

Per essere sempre in forma, ti consigliamo ad esempio Zumba fitness 2, che è stato campione d’incassi in questo nuovo genere di gaming: Zumba fitness 2 ti consentirà di imparare i passi della omonima danza e partecipare alle lezioni virtuali per un allenamento completo dal riscaldamento fino al defaticamento.
Potrai anche allenarti da solo seguendo le playlist preferite oppure sfidare gli amici fino all’ultimo passo. In qualsiasi modalità sarà possibile visualizzare punteggio e conta calorie.
Con la cintura in dotazione potrai giocare a mani libere senza dover reggere in mano o mettere in tasca il controller che potrà essere assicurato alla cinta, senza preoccupazioni!

Ci sono nove diversi stili di ballo da perfezionare, come salsa, merengue, hip-hop, rumba, flamenco e così via. Oltre ai classici stili potrai trovare lezioni libere nelle dedicate al pop latino, alla danza del ventre, al paso doble…
Potrai scegliere tra oltre 30 canzoni da inserire nelle classi, anche per la modalità singola.

I migliori giochi per Nintendo Wii: balla e canta nel tuo salotto

Just dance 2015 è probabilmente uno dei migliori giochi da party con oltre 40 tracce che spaziano dai grandi classici fino alle canzoni più in voga del momento con tante modalità di gioco.
Nella modalità sfida ad esempio potrai sfidare gli amici in tempo reale ma anche in differita e grazie alla modalità online lancerai la tua challenge verso qualsiasi altro punto del mondo. Oltre le classiche sfide 1 contro 1 potrai seguire la modalità karaoke per cantare e ballare contemporaneamente e interagire sui maggiori social network condividendo le tue performance.


Poi anche riprenderti e riguardare l’esibizione in un secondo momento, sfidando fino a sette persone in tempo reale ognuno dalla propria stanza.

Tra i migliori giochi di guida vi suggeriamo di provare Mario Kart 8, uno dei titoli più venduti della fortunata serie iniziata nel lontano 1993. Lungo il tracciato troverai oggetti da raccogliere e utilizzare per intralciare il percorso degli altri piloti e aggiudicarti qualche vantaggio cercando di arrivare al traguardo con i tempi migliori. Puoi caricare le riprese più divertenti anche su YouTube e condividere le tue sfide con gli amici. Personaggi e veicoli possono essere personalizzati per combinazioni infinite di pneumatici e paracaduti.
La modalità on-line multiplayer consente di sfidare fino a 11 giocatori contemporaneamente creando sfide personalizzate o aderendo a competizioni lanciate da altri.

Le avventure Disney per i più piccoli: i migliori giochi per Nintendo Wii

Se vuoi fare un regalo adatto ad un bambino, ti consigliamo è Epic Mickey 2 che ha per protagonista l’intramontabile Topolino ed Oswald, la primissima creatura di Walt Disney. Questo titolo è adatto ad uno o due player e l’aspetto più interessante è che il corso della storia cambia in base alle scelte compiute: quindi rigiocare da capo consente di raggiungere finali e avventure differenti.

Le modalità di gioco è estremamente coinvolgente su misura dei più piccoli, senza spunti violenti e con tanto divertimento scandito dall’arrivo dei vari personaggi Disney. Le scene animate intrattengono i bambini nel corso del gioco come una sequenza cinematografica interattiva, che può sprigionare il massimo divertimento nella modalità a due giocatori.

The post I migliori giochi per Nintendo Wii: dal fitness alle corse in automobile appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2018/08/i-migliori-giochi-per-nintendo-wii-dal-fitness-alle-corse-in-automobile.html/feed 0
Quali consolle e videogiochi sono più adatti ai bambini? https://www.dojoplay.it/2017/08/quali-consolle-videogiochi-piu-adatti-ai-bambini.html https://www.dojoplay.it/2017/08/quali-consolle-videogiochi-piu-adatti-ai-bambini.html#respond Thu, 31 Aug 2017 17:30:29 +0000 https://www.dojoplay.it/?p=847 Se stai pensando di regalare una consolle per videogiochi a dei bambini, ti sarai sicuramente interessato sulle numerose alternative che propone il mercato. Tuttavia bisogna considerare che seppur ogni azienda proponga dei titoli mirati ai vari target di età, tra i big c’è in assoluto una marca di consolle assolutamente più indicata rispetto alle altre …

The post Quali consolle e videogiochi sono più adatti ai bambini? appeared first on Dojo Play.

]]>
Se stai pensando di regalare una consolle per videogiochi a dei bambini, ti sarai sicuramente interessato sulle numerose alternative che propone il mercato. Tuttavia bisogna considerare che seppur ogni azienda proponga dei titoli mirati ai vari target di età, tra i big c’è in assoluto una marca di consolle assolutamente più indicata rispetto alle altre per un pubblico baby.

Stiamo facendo riferimento alla Nintendo: gli acquisti più aggiornati e gettonati sono rappresentati da una WiiU oppure da un New Nintendo 3DS. Di quest’ultimo esiste addirittura una versione ancora più solida ed economica, il Nintendo 2DS che è adatto al pubblico più scalmanato, che ancora non ha il controllo e l’attenzione per “trattare bene giocattoli più costosi“.

D’altra parte, prima di regalare una consolle ad un giovanissimo è bene mettere in chiaro le regole sull’uso dei videogiochi: come gli adulti sanno bene è facilissimo creare dipendenza 🙂 Inoltre se pensate di regalare un videogame ad un bambino che non è vostro figlio, assicuratevi che i genitori siano d’accordo!

Videogiochi e consolle per bambini: nel dubbio, Nintendo!

Fin dalle sue origini, la Nintendo si è presentata al pubblico con personaggi dallo stile tipico del mondo dei cartoni animati, che miravano ad affezionare e fidelizzare i fan al proprio brand: da Supermario a Sony, dai Pokémon a Kirby, siamo di fronte ad eroi dall’aspetto innocuo e dall’indole amichevole. Quest’aria così familiare e rilassante si è evoluta con gli anni creando dei target mirati al divertimento dei più piccoli e delle famiglie, coinvolgendo qualsiasi fascia d’età.

Il marchio PEGI identifica proprio tutti quei giocattoli e videogiochi che hanno contenuti specificamente ideati per il pubblico dei più piccoli: risulta così ancora più facile acquistare titoli per i bambini.

Titoli adatti ai più piccoli? Videogiochi e consolle per bambini

Nintendo si occupa con grande attenzione del target dei più piccoli, lasciato indietro dagli altri competitors, che hanno preferito rivolgersi prevalentemente al mondo dei ragazzi e degli adulti.

  • Il primo titolo tra  più venduti sono i Pokemon: si tratta di catturare e combattere attraverso simpatiche creature animalesche, incontrando nei viaggi vari personaggi che possono risultare alleati oppure antagonisti.

    Le meccaniche risultano molto adatte ai più piccoli, tuttavia le strategie di gioco hanno dato vita ad eventi competitivi e un’attenzione mediatica notevole anche da parte del pubblico dei grandi.
  • Citiamo poi Animal Crossing, un gioco rilassante rivolto più che altro alle bambine in cui si vive in una città insieme a degli animali, caratterizzati da una grafica adorabile. Si tratta di gestire questa cittadina dal punto di vista ambientale, degli eventi e delle interazioni tra i personaggi. È possibile costruire sia le case che gli edifici pubblici da zero e sono previsti due titoli all’interno della stessa serie.
  • Mario Party e Mario Kart sono adatti ai bambini che amano giocare insieme ai propri fratelli, amici o genitori. Questi giochi multipli sono adatti ad ogni età e presentano delle sfide molto divertenti che riescono a intrattenere un pubblico trasversale. Lo stesso si può dire per Splatoon e Yoshi Wolly Word: Quest’ultimo titolo è accompagnato anche da un peluche vero e proprio capace di interagire con il videogioco: questa versione interattiva dedicata più che altro al giovane pubblico femminile vede la sua corrispondente maschile in Kirby.

The post Quali consolle e videogiochi sono più adatti ai bambini? appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2017/08/quali-consolle-videogiochi-piu-adatti-ai-bambini.html/feed 0
Risparmio energetico: Nintendo, Sony e Microsoft trovano l’accordo https://www.dojoplay.it/2015/05/risparmio-energetico-nintendo-sony-e-microsoft-trovano-laccordo.html https://www.dojoplay.it/2015/05/risparmio-energetico-nintendo-sony-e-microsoft-trovano-laccordo.html#respond Mon, 18 May 2015 09:27:29 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=790 Le case produttrici delle console per videogiochi hanno trovato un accordo piuttosto ambiguo. A seconda dei punti di vista, tale accordo potrà servire per ridurre i consumi energetici delle proprie piattaforme, ma potrebbe anche al contempo, secondo altri, ridurre il proprio impegno ad inquinare di meno. Ma cosa è successo? Analizziamo i fatti nel dettaglio. …

The post Risparmio energetico: Nintendo, Sony e Microsoft trovano l’accordo appeared first on Dojo Play.

]]>
Le case produttrici delle console per videogiochi hanno trovato un accordo piuttosto ambiguo. A seconda dei punti di vista, tale accordo potrà servire per ridurre i consumi energetici delle proprie piattaforme, ma potrebbe anche al contempo, secondo altri, ridurre il proprio impegno ad inquinare di meno. Ma cosa è successo? Analizziamo i fatti nel dettaglio.

L’accordo tra Nintendo, Sony e Microsoft

Dietro la spinta della Commissione Europea che, più di altri organi internazionali, sta tentando in tutti i modi di regolamentare il consumo energetico e, di conseguenza, ridurre le emissioni di gas serra nell’atmosfera, alle tre case produttrici era stato intimato di ridurre i propri consumi. La richiesta era pervenuta in seguito alla conferma che rispettivamente la Wii U, la PlayStation 4 e la Xbox One consumavano dalle 2 alle 3 volte in più delle Wii, PlayStation 3 e Xbox 360.  Stiamo parlando di consumi enormi dato che se le console di vecchia generazione avevano venduto oltre 250 milioni di pezzi complessivamente in tutto il mondo, si stima che tali cifre possano essere raggiunte, o superate, anche da queste. Con la differenza però di avere un consumo doppio o persino triplo.

Per questo motivo, alla fine, dopo anni di dibattiti, le tre case produttrici hanno ceduto ed hanno accettato l’accordo. Esso prevede che verranno apportate delle modifiche, per quanto riguarda i consumi energetici, alle attuali piattaforme, e ne verranno prodotte altre in futuro meno inquinanti, in modo tale da arrivare a risparmiare un Terawattora complessivamente nel 2020. Detta così, sembra un obiettivo molto importante, ma le associazioni ambientaliste non sono d’accordo.

La protesta degli ambientalisti

Le associazioni ambientaliste, con Legambiente in testa, protestano.


Secondo loro infatti l’accordo firmato dai tre colossi servirà semplicemente per evitare che la Commissione europea gli imponga degli obblighi ancora più stringenti. Quel che lamentano le associazioni è che, allo stato attuale, la riduzione dei consumi avvenga soltanto per le attività collaterali delle console, ovvero per esempio mentre si guardano i film piuttosto che si ascolti musica. Ma almeno per ora e per i prossimi anni non si prevedono riduzioni di consumi mentre si gioca.

Altro punto oscuro è il consumo energetico quando le console sono in stand-by, ovvero quando non sono accese ma nemmeno spente, rimangono in attesa e consumano ugualmente energia, anche se meno di quando sono attive. Ebbene, secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia il solo stand-by per tutte e tre le console consumerebbe una cifra che si aggira sugli 80 miliardi di dollari l’anno, uno spreco inutile e di proporzioni colossali. Senza contare che gli accordi più stringenti, che partiranno dal 2017, non sono vincolanti e quindi i tre operatori possono anche violarli senza incorrere in sanzioni.

Infine, conclude Legambiente, secondo gli ambientalisti l’Europa avrebbe potuto imporre un taglio molto più netto, fino addirittura a 16 terawattora (non uno solo), che equivalgono all’incirca al consumo energetico annuale della sola Grecia. E invece, con questo accordo, Sony, Nintendo e Microsoft escono pulite con uno sforzo minimo, raggirando l’ostacolo. Basterà? Al momento alla Commissione Europea sembra di sì visto che sul finire del mese scorso ha approvato il progetto. Le associazioni ambientaliste sperano invece che, in futuro, la Commissione possa tornare sui suoi passi e chiedere uno sforzo in più.

The post Risparmio energetico: Nintendo, Sony e Microsoft trovano l’accordo appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/05/risparmio-energetico-nintendo-sony-e-microsoft-trovano-laccordo.html/feed 0
Donkey Kong: curiosità sullo scimmione più famoso dei videogiochi https://www.dojoplay.it/2015/05/donkey-kong-curiosita-sullo-scimmione-piu-famoso-dei-videogiochi.html https://www.dojoplay.it/2015/05/donkey-kong-curiosita-sullo-scimmione-piu-famoso-dei-videogiochi.html#respond Fri, 15 May 2015 08:09:52 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=786 Probabilmente è uno dei personaggi più noti e amati dell’intero mondo videoludico. Dopo Super Mario, Sonic e poche altre icone, Donkey Kong è uno di quelli che si possono riconoscere alla prima occhiata. “Nato” negli anni ’80, raggiunto il picco di notorietà negli anni ’90, negli ultimi tempi questo scimmione dall’aria al contempo minacciosa ma …

The post Donkey Kong: curiosità sullo scimmione più famoso dei videogiochi appeared first on Dojo Play.

]]>
Probabilmente è uno dei personaggi più noti e amati dell’intero mondo videoludico. Dopo Super Mario, Sonic e poche altre icone, Donkey Kong è uno di quelli che si possono riconoscere alla prima occhiata. “Nato” negli anni ’80, raggiunto il picco di notorietà negli anni ’90, negli ultimi tempi questo scimmione dall’aria al contempo minacciosa ma anche goffa e buffa sta lentamente tornando di moda. Saranno milioni i videogiocatori che hanno provato almeno uno dei suoi giochi, ma probabilmente non conoscono alcune delle curiosità che andiamo ad elencare.

La nascita in simbiosi con Super Mario

La prima apparizione di Donkey Kong non è in un gioco a lui dedicato, ma in un gioco di Super Mario. In quell’occasione, a dire il vero, nemmeno il baffuto idraulico italiano si chiamava ancora Super Mario (stiamo parlando dei primi anni ’80), ma si chiamava ancora Jump Man. Il gioco fu realizzato da un programmatore in erba, il giovane (allora sconosciuto) Shigeru Miyamoto. Per chi non lo conoscesse, oggi è amministratore e direttore delegato di Nintendo ed è considerato il più importanto autore di videogiochi della storia perché ha creato non solo Super Mario e Donkey Kong, ma anche Zelda, Star Fox ed altri grandi titoli.

“Kongy” definì il genere platform e gli dette una trama. L’attuale genere che chiamiamo platform in realtà lo dobbiamo proprio a Donkey Kong. Su di lui infatti fu modellata la giocabilità “a piattaforma” dei primi titoli degli anni ’80 che permettevano di andare in una sola direzione premendo un tasto, o nella direzione opposta premendone un altro. Inoltre bisogna considerare che prima dell’esordio di Donkey Kong i videogiochi non avevano trama. L’introduzione di questo personaggio permise di far nascere uno scontro con altri e quindi creare un minimo di storia. Fu un passo in avanti importante perché permise di rendere i personaggi immediatamente riconoscibili e farli apprezzare di più al pubblico.

Controversie legali

Era inevitabile ma prima o poi qualcuno lo avrebbe confuso con King Kong. Il processo di plagio fu avviato nel 1982 (un anno dopo il suo esordio), ma nel 1984 il tribunale dette torto alla Universal che accusava Nintendo di plagio, affermando che non ci fossero prove a sufficienza per affermare che Nintendo avesse copiato King Kong.


Nintendo infatti affermava di aver dato al suo Donkey Kong una forma di semplice scimmia, e siccome la Universal non poteva mettere il copyright sulle scimmie, perse la causa.

Successivamente alla “lite” con la Universal, Nintendo temeva la nascita di tanti altri personaggi ispirati alle scimmie che si sarebbero potuti chiamare Konkey Kong, Congorilla, Crazy Kong e con altri nomi simili che avrebbero richiamato Donkey Kong ma non sarebbero potuti essere citati in tribunale perché altrimenti Nintendo avrebbe perso. Per questo gli avvocati nipponici ebbero una grande idea: registrare presso l’ufficio brevetti la frase “It’s on like Donkey Kong” che in italiano corrisponderebbe all’incirca a “è come Donkey Kong”. In questo modo tutti i tentativi successivi di avvicinarsi alla realizzazione di uno scimmione simile sarebbero risultati una violazione.

La genesi di un successo mondiale

Anni dopo si è scoperto a chi fosse ispirato Donkey Kong: non a King Kong ma a Braccio di Ferro. Prima della nascita dello scimmione, Nintendo provò ad acquisire i diritti di Popeye, ma senza successo. A Miyamoto e alla sua squadra fu così ordinato di realizzare un personaggio ispirato a Braccio di Ferro, e loro realizzarono Donkey Kong (un Popeye in forma scimmiesca) innamorato della giovane Pauline, bella e magra ragazza (Olivia) che aveva attirato le attenzioni di un altro gorilla (Bruto). Ma cosa significa in realtà Donkey Kong? In inglese questa frase molto slang equivale a dire “Gorilla Stupido”. Il nome non piacque a Nintendo of America che chiese a Miyamoto di cambiarlo, ma lui non ne volle sapere. Così la versione americana dell’azienda pensò di boicottare il gioco, relegandolo a soli due macchinari arcade piazzati presso una sala giochi di Seattle. Dopo poche settimane però si dovettero ricredere: il proprietario ordinò nuove macchine di Donkey Kong perché c’era sempre la fila per giocarci. Dai 2000 pezzi iniziali spediti dal Giappone si arrivò, nel giro di un anno, a 60 mila unità, diventando il videogioco più venduto di casa Nintendo nel 1983. Ad oggi risulta siano stati venduti circa 65 milioni di videogiochi dell’intera saga di Donkey Kong, tralasciando i titoli nei quali lo scimmione compare come co-protagonista come Super Smash Bros, Mario Kart e simili.

The post Donkey Kong: curiosità sullo scimmione più famoso dei videogiochi appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/05/donkey-kong-curiosita-sullo-scimmione-piu-famoso-dei-videogiochi.html/feed 0
Videogiochi in uscita a maggio 2015: grande attesa per The Witcher 3 https://www.dojoplay.it/2015/04/videogiochi-in-uscita-a-maggio-2015-grande-attesa-per-the-witcher-3.html https://www.dojoplay.it/2015/04/videogiochi-in-uscita-a-maggio-2015-grande-attesa-per-the-witcher-3.html#respond Wed, 29 Apr 2015 08:40:31 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=759 Il mese di maggio è uno dei più importanti dal punto di vista videoludico perché apre la stagione estiva, quel periodo che dura fino ai primi di luglio e che porta i videogiochi che ci accompagneranno nel periodo precedente a quello più caldo che storicamente è quello autunnale. Nonostante in questo mese le uscite saranno …

The post Videogiochi in uscita a maggio 2015: grande attesa per The Witcher 3 appeared first on Dojo Play.

]]>
Il mese di maggio è uno dei più importanti dal punto di vista videoludico perché apre la stagione estiva, quel periodo che dura fino ai primi di luglio e che porta i videogiochi che ci accompagneranno nel periodo precedente a quello più caldo che storicamente è quello autunnale. Nonostante in questo mese le uscite saranno tantissime, sembra che le major del campo videoludico non abbiano voluto pestare i piedi ad uno dei titoli più importanti dell’anno: The Witcher 3 Wild Hunt. Per questo le principali IP sono rimaste in attesa di uscire nei prossimi mesi, lasciando campo libero a questo grande gioco.

The Witcher 3 vs Project CARS

The Witcher 3 racconta la storia di Geralt di Rivia in un mondo fantasy tra i più grandi tra i videogiochi moderni. La grafica è a livelli mai visti prima e si tratta di un gioco molto profondo nel quale le scelte prese condizioneranno il proseguio della trama, mentre il gameplay risulta profondamente rinnovato e moderno. Per chi non lo conoscesse, The Witcher 3 è una sorta di incrocio tra un RPG e un videogioco d’azione in terza persona. La sua uscita è attesa su PS4, Xbox One e su PC il prossimo 19 maggio.

Se ci fosse una specie di classifica dei videogiochi più attesi di maggio, al secondo posto ci sarebbe senza dubbio Project CARS. Si tratta di un titolo che ha attirato molto l’interesse dato che se ne parla da un paio d’anni circa e si tratta di un simulatore di guida con un livello di realismo mai visto. I video mostrati negli scorsi mesi non lo facevano distinguere dalla realtà. L’uscita di Project CARS è prevista per il 7 maggio su PC, PS4 e Xbox One mentre su Wii U uscirà in seguito, probabilmente verso la fine dell’anno.

Gli altri grandi titoli in uscita a maggio

Molto interessante anche Wolfenstein: The Old Blood, prequel di Wolfenstein: The New Order uscito circa un anno fa e che racconta gli eventi precedenti a quella vicenda.


La sua uscita è prevista per il 5 maggio sempre su PS4, Xbox One e PC. Per i nostalgici c’è un altro titolo di auto in uscita questo mese, solo che non è un videogioco di guida tradizionale. Stiamo parlando di Carmageddon: Reincarnation, un titolo dove non vince solo chi arriva primo, ma anche chi investe più persone! Questo gioco decisamente diseducativo, remake della versione di quasi vent’anni fa, uscirà il 21 maggio su entrambe le PlayStation ed entrambe le Xbox.

Come detto, a maggio sono previsti comunque tantissimi giochi in uscita. Tra i principali indichiamo Final Fantasy X/X2 HD Remaster per PS4 e PSVita, Hyperdimension Neptunia Rebirth 2 e Neptunia U e Ultra Street Fighter IV. Concludiamo la nostra carrellata con le tante novità nel mondo Nintendo che, come si sa, ha il suo picco massimo proprio nel periodo pre-estivo. Su Wii U segnaliamo l’uscita di Splatoon il 29 maggio e di Kirby e il Pannello Arcobaleno dell’8; su 3DS invece consigliamo Puzzle & Dragons Super Mario Bros Edition e Code Name S.T.E.A.M. E voi quale gioco acquisterete?

The post Videogiochi in uscita a maggio 2015: grande attesa per The Witcher 3 appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/04/videogiochi-in-uscita-a-maggio-2015-grande-attesa-per-the-witcher-3.html/feed 0
Curiosità: 5 brand trasformati in assurdi videogiochi https://www.dojoplay.it/2015/04/curiosita-5-brand-trasformati-in-assurdi-videogiochi.html https://www.dojoplay.it/2015/04/curiosita-5-brand-trasformati-in-assurdi-videogiochi.html#respond Mon, 27 Apr 2015 10:06:13 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=755 Negli ultimi anni è diventata un’abitudine vedere trasformato un film o un libro importante in videogioco (a dire il vero capita sempre più spesso anche il contrario). Ma prima che questa sorta di cross-platform allargato diventasse comune, sono state provate altre strade, come quella di portare alcuni importanti brand internazionali nel mondo dei videogiochi. I …

The post Curiosità: 5 brand trasformati in assurdi videogiochi appeared first on Dojo Play.

]]>
Negli ultimi anni è diventata un’abitudine vedere trasformato un film o un libro importante in videogioco (a dire il vero capita sempre più spesso anche il contrario). Ma prima che questa sorta di cross-platform allargato diventasse comune, sono state provate altre strade, come quella di portare alcuni importanti brand internazionali nel mondo dei videogiochi. I risultati comunque non sono mai stati un granché, e la dimostrazione è che probabilmente nessuno di voi ha mai giocato a nessuno dei giochi che ora andremo ad elencare. Ne abbiamo raccolti cinque nel nostro articolo, ma andando a scavare ancora forse ne sarebbero venuti a galla ancora di più.

Dal supermercato al salotto

Pepsiman: nel tentativo di battere la Coca Cola in quanto a trovate pubblicitarie, la Pepsi negli anni ’90 tentò di inventarsi un videogioco basato su un nuovo supereroe: Pepsiman. L’idea a dire il vero non era proprio nuovissima dato che aveva tentato una strada simile nel ’93 la 7UP con Cool Spot. Fatto sta che questo titolo uscì sulla prima PlayStation e la conseguenza fu che la mascotte di Pepsiman cominciò a vedersi nelle principali manifestazioni pubbliche. Ma siccome oggi nessuno se ne ricorda, è facile immaginare che non ebbe molto successo.

Sneak King: molte grandi catene hanno tentato di realizzare videogiochi come McDonald’s, ma l’esempio uscito forse meglio (o peggio a seconda dei punti di vista) è questo Sneak King, realizzato nel 2006 da Burger King per Xbox 360 e per la prima Xbox. Il gioco ci metteva nei panni di un re che doveva elargire di nascosto hamburger ai suoi affamati sudditi per evitare che si ribellassero contro di lui. Si trattava di uno dei primi videogiochi stealth, seppur molto rozzo.

Dal piccolo schermo alle console

The Dallas Quest: ci sono poi i format televisivi a tentare la carta del videogioco.


Di recente ci è riuscito alla grande The Walking Dead, ma non tutti i tentativi precedenti hanno avuto lo stesso successo. È il caso di The Dallas Quest, titolo basato sulla telenovela Dallas che negli anni ’80 sul primo Apple, ma anche su Commodore 64 a sull’Atari, ottenne un discreto successo. Il gioco si basava sui personaggi di Sue Ellen e Bobby tentando di ripercorrere le vicende del film in un’ottica più d’azione. Ma il successo non fu lo stesso della serie tv.

Jaws Unleashed: quando si nomina lo Squalo, viene immediatamente alla mente il capolavoro di Spielberg. In pochi sanno che diventò negli anni ’80 un vero e proprio franchise con un marketing da paura (furono prodotti anche molti sequel). Nel 2006 si è tentato di riportare a galla questo mito e così il mondo dei videogiochi se ne è occupato realizzando un titolo, appunto Jaws Unleashed, per PC, PS2 e Xbox. Il giocatore manovrava proprio lo squalo con l’intenzione di scatenare il panico nelle spiagge americane. Alla fine il successo arrivò, nonostante molte critiche da parte della stampa, e il titolo riuscì a piazzare diverse centinaia di migliaia di copie.

Shaq Fu: il mitico Shaquille O’Neal ha fatto di tutto dopo essersi ritirato dal basket giocato (e anche prima del ritiro a dire il vero). Ha fatto l’attore, il commentatore televisivo, e persino diversi videogiochi. Di recente l’abbiamo visto nel ruolo di commentatore virtuale in NBA 2K15, ma in precedenza era stato realizzato un videogioco che lo vedeva protagonista, Shaq Fu, nel quale il nostro cestista era in grado di combattere a colpi di arti marziali contro nemici agguerriti come mummie, donne-gatto e altri mostri vari in 1 vs 1. Il gioco divenne famoso perché piuttosto ridicolo, ma si dice che sia già pronto un sequel che presto uscirà sulle attuali console.

The post Curiosità: 5 brand trasformati in assurdi videogiochi appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/04/curiosita-5-brand-trasformati-in-assurdi-videogiochi.html/feed 0
Mortal Kombat e le leggende metropolitane https://www.dojoplay.it/2015/04/mortal-kombat-e-le-leggende-metropolitane.html https://www.dojoplay.it/2015/04/mortal-kombat-e-le-leggende-metropolitane.html#respond Mon, 20 Apr 2015 09:42:15 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=746 Mortal Kombat X è uscito pochi giorni fa, riportando in auge una saga che non conosce flessioni da oltre vent’anni. Dal primo capitolo del lontano 1992 ne ha fatta di strada, ed avendo mietuto milioni di fans, era inevitabile che si inseguissero anche decine di miti e leggende. Dopotutto un gioco ritenuto leggendario, qualche falso …

The post Mortal Kombat e le leggende metropolitane appeared first on Dojo Play.

]]>
Mortal Kombat X è uscito pochi giorni fa, riportando in auge una saga che non conosce flessioni da oltre vent’anni. Dal primo capitolo del lontano 1992 ne ha fatta di strada, ed avendo mietuto milioni di fans, era inevitabile che si inseguissero anche decine di miti e leggende. Dopotutto un gioco ritenuto leggendario, qualche falso mito non può risparmiarselo. Negli anni ce ne sono stati parecchi, qui di seguito indichiamo i più comuni e simpatici, e vi sveliamo quali sono veri e quali no.

Quei personaggi che non ti aspetti

Giocare con Goro in MK1: tra i (pochi a dire il vero) personaggi che facevano parte del roster del primo Mortal Kombat, quello che all’epoca suscitò maggiore interesse fu Goro. Sarà per la mostruosità, per il fatto di avere 4 braccia, o semplicemente perché era l’unico (insieme al Boss finale) che non poteva essere scelto, fatto sta che Goro ha suscitato molta curiosità nel pubblico. Su di lui sono stati raccontati tanti miti, anche quello che esisteva un trucco per selezionarlo nel gioco. E come spesso accade nei miti e leggende, un fondo di verità c’è. Nelle versioni Game Boy e Super Nintendo di Mortal Kombat esisteva davvero un cheat per poterlo utilizzare, ma solo in multiplayer.

Personaggi nascosti: come per Goro, da sempre si racconta di personaggi nascosti in Mortal Kombat, personaggi cioè che non sono presenti tra quelli di base selezionabili, ma che anche in questo caso con qualche codice astruso si potevano sbloccare. Forse il più popolare di questi è Ermac, il ninja rosso. La voce si è diffusa dopo che, in una battaglia con Reptile, è comparsa la scritta “ERMACS” sul menu delle macchine arcade (quelle della sala giochi). In realtà gli sviluppatori hanno spiegato che si era trattato solo di un errore. Fatto sta che la leggenda si era talmente diffusa che alla fine gli sviluppatori l’hanno cavalcata e in MK3 l’hanno inserito.


Ma le voci sui personaggi nascosti non finiscono qui. C’è chi racconta della possibilità di sbloccare una “Kitana rossa” (anche in questo caso da un problema di grafica è nata poi Skarlet), o il ninja viola (diventato poi Rain).

Ritorno dei combattenti: storicamente ad ogni sequel qualche personaggio presente in precedenza veniva tagliato, tra lo scontento dei fans. L’episodio più eclatante avvenne con MK2 nel quale Sonya Blade e Kano non potevano essere selezionati, ma comparivano sullo sfondo dell’ultima Boss Battle, incatenati. Si svilupparono così voci secondo le quali, con una doppia Flawless Victory, si spezzavano le catene dei due combattenti e li si potevano sbloccare. Agli sviluppatori la leggenda piacque e l’alimentarono lasciando diffondere ulteriori voci false, illudendo i fans di poter sbloccare i loro personaggi preferiti.

Mortal Kombat anti-violenza?

La violenza su Super Nintendo: com’è tradizione per i giochi Nintendo, la violenza all’inizio mancava perfino in Mortal Kombat. Qui al posto del sangue i combattenti schizzavano sudore. Questo non ha impedito la messa in circolazione della leggenda secondo cui esistessero delle versioni con sangue anche per SNES. Addirittura nel 1993 su Nintendo Magazine System uscì una sorta di guida a come sbloccare il “gore” in MK, con un codice che veniva assegnato telefonando ad un numero verde la prima domenica di aprile. Quell’anno però la prima domenica di aprile corrispondeva (casualmente) al 1° aprile.

Animalities e altre Fatalities non violente: il marchio della serie, il suo punto di forza, sono com’è noto le Fatality. In MK2 si diffusero voci secondo le quali esistevano delle combinazioni di tasti per trasformare i lottatori in animali e creare così animalities. In realtà in MK2 non esisteva nulla di tutto ciò, ma la leggenda arrivò alle orecchie degli sviluppatori che in MK3 decisero di inserirle. Lo stesso vale per le Babalities.

The post Mortal Kombat e le leggende metropolitane appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/04/mortal-kombat-e-le-leggende-metropolitane.html/feed 0
Project CARS: caratteristiche, requisiti e data di uscita https://www.dojoplay.it/2015/04/project-cars-caratteristiche-requisiti-e-data-di-uscita.html https://www.dojoplay.it/2015/04/project-cars-caratteristiche-requisiti-e-data-di-uscita.html#respond Thu, 16 Apr 2015 09:11:14 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=742 Project CARS si preannuncia come il miglior simulatore di auto di sempre. Annunciato per PC, PlayStation 4 e Xbox One, arriverà in una fase successiva anche su Wii U. Si è chiacchierato molto su questo titolo visto che è stato annunciato quasi due anni fa ma la lavorazione è stata molto lenta. Evidentemente gli sviluppatori …

The post Project CARS: caratteristiche, requisiti e data di uscita appeared first on Dojo Play.

]]>
Project CARS si preannuncia come il miglior simulatore di auto di sempre. Annunciato per PC, PlayStation 4 e Xbox One, arriverà in una fase successiva anche su Wii U. Si è chiacchierato molto su questo titolo visto che è stato annunciato quasi due anni fa ma la lavorazione è stata molto lenta. Evidentemente gli sviluppatori di Bandai Namco e Slightly Mad Studios hanno voluto fare le cose con calma visto che il titolo era stato rinviato diverse volte, fino all’annuncio definitivo: uscirà il prossimo 7 maggio 2015. Come detto in precedenza, la versione per la console Nintendo arriverà successivamente, probabilmente nel periodo natalizio. Ma com’è questo Project CARS?

Caratteristiche tecniche di Project CARS

Project CARS è, come detto, un simulatore di guida. Per riuscire ad emergere nell’enorme panorama dei simulatori degli ultimi anni, tra colossi come Gran Turismo, Forza Horizon e tutti gli altri titoli simili, bisognava necessariamente fare qualcosa di eccezionale. E pare che sia stato fatto. Negli scorsi mesi infatti si sono susseguiti tutta una serie di video comparativi che mettevano a confronto un percorso fatto su un circuito reale a bordo di un’automobile altrettanto reale, e quello realizzato dalla telecamera in prima o in terza persona all’interno del videogioco. Possiamo affermare che le differenze tra le due versioni quasi non si vedevano. Anzi, in molti casi se non ci fosse stato scritto quale dei due era quello reale e quale quello virtuale, sarebbe stato molto facile confonderli.

Si capisce in questo modo come mai lo sviluppo di Project CARS abbia necessitato di così tanti anni per la sua realizzazione finale. Anche perché l’aspettativa creata intorno a questo titolo è talmente elevata che non saranno accettati dal pubblico difetti o bug di alcun tipo: al momento dell’uscita ci aspettiamo tutti un gioco perfetto.


Tra l’altro il progetto nasce dal crowdfunding e dunque, essendo che molti utenti hanno già anticipato denaro, aspettano veramente un progetto di ottimo livello.

All’interno del titolo, almeno nella versione base, potremo correre su 52 tracciati reali, tra percorsi cittadini e circuiti da Formula Uno (tra i quali i “nostri” Imola, Mugello e Monza), e in sella a 67 vetture. Saranno presenti anche i go-kart, insieme alle automobili da F1 e quelle da strada. Tra le varie modalità di gioco, dalle competizioni sportive al gran turismo, c’è anche la modalità carriera che vi permetterà di creare il vostro avatar che, partendo in giovane età dalle corse in kart, dovrà poi guadagnare la fiducia di sponsor e case automobilistiche fino a diventare il più grande pilota del mondo.

Requisiti per PC

Su PC Project CARS utilizzerà il DirectX 11 e l’ultima versione del Madness Engine. I requisiti minimi per far funzionare il gioco saranno:

  • CPU – 2.66 GHz Intel Core 2 Quad Q8400, 3.0 GHz AMD Phenom II X4 940
  • Scheda Grafica – nVidia GTX 260, ATI Radeon HD 5770
  • Memoria – 4Gb RAM, 1Gb VRAM

I requisiti consigliati invece sono:

  • CPU – 3.5 GHz Intel Core i7 3700, 4.0 GHz AMD FX-8350
  • Scheda grafica – nVidia GT600 series, AMD Radeon HD7000 series
  • Memoria – 8Gb RAM, 2Gb VRAM

Ricordiamo infine che gli sviluppatori hanno annunciato la compatibilità anche con i visori Oculus Rift e Project Morpheus. Vi lasciamo al trailer di lancio in italiano.

The post Project CARS: caratteristiche, requisiti e data di uscita appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/04/project-cars-caratteristiche-requisiti-e-data-di-uscita.html/feed 0
Guitar Hero Live annunciato ufficialmente https://www.dojoplay.it/2015/04/guitar-hero-live-annunciato-ufficialmente.html https://www.dojoplay.it/2015/04/guitar-hero-live-annunciato-ufficialmente.html#respond Wed, 15 Apr 2015 08:28:20 +0000 http://www.dojoplay.it/?p=738 L’anno 2015 sarà quello del ritorno di un glorioso franchise, quello di Guitar Hero. Il titolo di Activision infatti ritorna, cinque anni dopo l’ultima uscita (Van Halen) con Guitar Hero Live, la prima volta della saga su next-gen. Ma c’è una buona notizia: il nuovo capitolo non si dimentica dello zoccolo duro degli utenti delle …

The post Guitar Hero Live annunciato ufficialmente appeared first on Dojo Play.

]]>
L’anno 2015 sarà quello del ritorno di un glorioso franchise, quello di Guitar Hero. Il titolo di Activision infatti ritorna, cinque anni dopo l’ultima uscita (Van Halen) con Guitar Hero Live, la prima volta della saga su next-gen. Ma c’è una buona notizia: il nuovo capitolo non si dimentica dello zoccolo duro degli utenti delle altre console. La prima notizia lieta che gli sviluppatori di FreeStyleGames (gli stessi di Dj Hero) hanno dato è che non solo Guitar Hero Live arriverà su PlayStation 4 e su Xbox One, ma potrà essere giocato anche su PlayStation 3, Xbox 360 e Wii U. Andiamo ad analizzare di cosa si tratta.

Le novità di Guitar Hero Live

La novità principale di questa nuova uscita è rappresentata dalla chitarra. La periferica infatti sarà completamente rinnovata. L’architettura del gioco non consentirà la retrocompatibilità con i vecchi modelli, e questa è l’unica cattiva notizia dell’annuncio. Le chitarre con i tastini colorati sono destinate ad andare in pensione perché verranno sostituite da un pezzo nuovo. Il nuovo modello assomiglia di più ad una chitarra elettrica reale, prevede 6 tastini allineati in due file da tre, più piccoli e più facilmente gestibili, anche se probabilmente potrebbero creare qualche problema a chi ha le dita un po’ più grandi.

Anche la schermata cambia di conseguenza: scompaiono le file di note colorate (ad ogni colore corrispondeva un tastino sulla barra della chitarra), adesso saranno tutte bianche, ma cambierà la disposizione e dunque di conseguenza anche i tasti da premere. Rimane invariata invece la penna e l’asticella di metallo, mentre compaiono al di sotto due pulsanti nuovi la cui funzione ancora non è stata resa nota. Invariato anche il tasto grande, accanto alla penna, che funge da Start. Il modello di chitarra elettrica sarà identico per tutte le piattaforme sulle quali Guitar Hero Live uscirà.


In questo modo il gioco anche se non sarà compatibile con i modelli vecchi, se un utente per esempio acquistasse il gioco su PS3, e poi volesse passare a PS4, potrebbe continuare ad usare la stessa chitarra.

Caratteristiche del gioco

Come mostrato durante il teaser trailer di annuncio che trovate sotto, questa volta si punta sul realismo. Niente più avatar cartooneschi: sul palco ci vanno esseri umani. Ovviamente non ci saranno degli attori, ma i modelli poligonali previsti permetteranno un realismo mai raggiunto prima con i gruppi sul palco. Il salto di qualità però lo avremo con la visuale in prima persona. La telecamera infatti non farà più le solite evoluzioni tra pubblico e palco: vedremo dalla visuale del chitarrista. Potremo così vedere il pubblico arrabbiarsi se sbagliamo qualche nota, ma ballare e scatenarsi quando invece suoniamo bene. Oltre alla modalità carriera, nella quale impersoneremo un chitarrista alle prime armi, potremo anche suonare liberamente sulle note dei video musicali originali, con le immagini che passano sullo schermo.

Annunciati anche i primi cantanti e le prime band che cederanno le loro canzoni al gioco. I nomi dei brani non sono stati resi noti, ma sappiamo per certo che saranno canzoni dei The Black Keys, Fall Out Boy, My Chemical Romance, Gary Clark Jr., Green Day, Ed Sheeran, The War on Drugs, The Killers, Skrillex, The Rolling Stones, The Lumineers, Pierce the Veil e Blitz Kids. Già noto anche il prezzo: gioco più chitarra costeranno in America 99 dollari, dunque in Italia il prezzo sarà 99 euro, ed il periodo di uscita sarà il prossimo autunno, anche se ancora non c’è una data precisa. Vi lasciamo al trailer di annuncio.

The post Guitar Hero Live annunciato ufficialmente appeared first on Dojo Play.

]]>
https://www.dojoplay.it/2015/04/guitar-hero-live-annunciato-ufficialmente.html/feed 0