lag, bug e tanto altro in fifa 15

FIFA 15: i tanti problemi fanno arrabbiare i fans

Contenuto dell'articolo

Le vendite di FIFA 15 sono andate bene anche quest’anno, al momento si contano già circa 5 milioni di copie vendute in tutto il mondo, ma forse mai come quest’anno il lancio del titolo della EA Sports è stato problematico. A quanto pare sono già arrivate le prime patch ed altre arriveranno, ma il titolo sembra affetto da così tanti problemi che, circolando per i vari GameStop d’Italia, si possono già notare alcune copie portate indietro dai fans delusi che proprio non ci stanno a vedere decadere in questo modo uno dei titoli più attesi dell’anno. Ma quali sono i principali problemi che affliggono FIFA 15 quest’anno?

Malfunzionamenti in FIFA 15

Il primo riguarda uno dei tanti punti di forza del franchise: il mercato. Durante le sessioni di calciomercato infatti molti utenti hanno segnalato che, in particolare durante l’ultimo week-end, i passaggi dei calciatori restavano bloccati, e per alcuni ci sono volute delle ore finché fossero sbloccati. In alcuni casi le transazioni online, che prevedono dei tempi da rispettare, hanno portato allo scadere del tempo e dunque alla decadenza della trattativa, nonostante le parti avessero già trovato un accordo. Su PS3 invece pare impossibile avviare la modalità Stagioni Online mentre in tutte ci sono stati problemi altalenanti a collegarsi a FUT online. Sempre in FUT molti utenti che avevano preordinato il gioco non hanno ottenuto Messi in prestito, il numero degli oggetti scambiabili è bloccato a 30 ed alcune parole risultano vietate per il nome della propria squadra, nonostante non siano censurabili.

Ma i problemi non riguardano solo questo week-end ma risalgono sin dal primo giorno dell’uscita. In particolare sono i server a creare non pochi grattacapi a EA che forse non si aspettava una valanga di pubblico così imponente. Fatto sta che molti hanno segnalato l’impossibilità di accedere e la questione ha ricordato molto la figuraccia fatta lo scorso anno da Konami quando in PES 2014 non fu possibile giocare online per i primi due mesi, prima che le cose andassero a posto.


Tra gli utenti che non riuscivano a connettersi e quelli che, pur essendo connessi, vedevano la propria partita interrotta per un down del server (problematica riscontrata anche nei giorni scorsi), ce n’è davvero per tutti i gusti.

Un problema che invece hanno riscontrato solo gli utenti PS4 è stato il Lag, anch’esso presente sin dai primi momenti del lancio. In sostanza si tratta di rallentamenti, sempre online, e veri e propri blocchi. La cosa più preoccupante è però che a volte i lag riguardavano persino le partite offline e, incredibile ma vero, addirittura la navigazione nei menu! Se infatti online è tutta una questione di server e dunque, potenziando quelli, il problema si risolve, se questo affligge anche il gioco offline, è una questione completamente differente. Ci vuole una patch che possa risolvere il problema direttamente sulla console. Non si tratta di un problema da niente perché vedere i propri calciatori muoversi a scatti è tutt’altro che “realistico”, come EA pubblicizza. Il fatto è ancora più grave in quanto già nella demo erano presenti dei lag segnalati dagli utenti, ma la EA anziché risolverli li ha peggiorati.

Per non parlare dei problemi PC come crash dopo la selezione della lingua, l’impossibilità di reinstallare il gioco dopo che si è interrotta l’installazione la prima volta e c’è un bug per il quale i calciatori, portiere compreso, corrono verso il centrocampo senza motivo, rendendo possibile segnare calciando da 50 metri.

Soluzioni

La EA dà la colpa alle connessioni Adsl e dunque consiglia, almeno per quanto riguarda il problema dei lag e dei blocchi, di disabilitare le funzionalità UPnP del proprio router, operazione che si può effettuare solo dal PC, oppure non collegarsi affatto a Internet. Per gli altri problemi di gioco si consiglia o di disinstallare il gioco e reinstallarlo, o su console di spegnerla e riavviarla. Per tutti gli altri bug sono attese patch, o alcune sono già disponibili. Per ogni problema visitate la pagina “Help” del sito della EA.

Leggi anche

Videogiochi 2018: se non ci hai giocato ancora, è il momento di farlo! Seconda parte

Eccoci alla parte più alta della classifica dei migliori titoli datati 2018. Se non li …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *