notizie dell'anno

Un anno di videogiochi: le 8 notizie più importanti del 2014

Alla fine dell’anno è ormai tradizione fare il riassunto dell’anno che ci lasciamo alle spalle. E per quanto riguarda il settore dei videogiochi, è stato un anno molto prolifico. Di notizie ce ne sono state tante, molte delle quali ve le abbiamo riportate anche noi di Dojoplay, ma quali sono state le più importanti? Cosa vorreste raccontare al vostro amico tornato appena oggi da una missione umanitaria in Africa, o al classico extraterrestre appena sceso sulla Terra? Eccole riassunte nella top 8 delle notizie più importanti del 2014 in tema di videogiochi.

8 – Tomb Raider diventa un’esclusiva Xbox. Non era mai accaduto che qualcuno “imbrigliasse” Lara Croft, ma ci sono riusciti i miliardi di Microsoft. Rise of the Tomb Raider, la prossima avventura dell’archeologa britannica e sequel del capitolo uscito di recente, arriverà soltanto sulle console Xbox. Ci sono però buone speranze per gli utenti PlayStation o PC. Square Enix, che si è occupata della sua realizzazione, ha parlato di un’esclusiva temporanea, quindi può darsi che dopo alcuni mesi, arriverà anche sulle altre piattaforme.

7 – Le console next-gen sono martoriate dai bug. Le next-gen sono spettacolari e potentissime, ma purtroppo i giochi sono pieni di bug. Il peggio è capitato ad Ubisoft che tra Assassin’s Creed Unity e Far Cry 4 ne ha passate di tutti i colori. Dal bug “no face” ai crash continui, per molti titoli giocare su PS4 e Xbox One sin dal primo giorno di uscita è stato quasi impossibile. Il caso più eclatante è Unity che ha costretto Ubisoft, per vicende varie, a farsi perdonare regalando un intero gioco al suo pubblico “offeso” per i disagi.

6 – Facebook acquista Oculus Rift per 2 miliardi di dollari. Uno dei prodotti che maggiormente hanno attirato l’interesse mondiale, ovvero l’Oculus Rift, cambia padrone. Il signor Facebook, al secolo Mark Zuckerberg, ha acquistato i diritti sul visore che, tra le altre cose, verrà utilizzato per i videogiochi, per una montagna di denaro. Considerando che non entrerà in commercio se non tra diversi mesi, è un bel rischio, anche perché lo stesso Zuckerberg lo riterrà un buon investimento solo qualora superi le 100 milioni di copie vendute.

5 – Minecraft viene acquistata da Microsoft per 2,5 miliardi di dollari.


Mai un marchio videoludico era costato così tanto. Minecraft, titolo che conta oltre 17 milioni di utenti tra PC e console, e innumerevoli sui dispositivi mobili, viene acquistato dalla Microsoft che però ha promesso che Minecraft 2 uscirà anche sulle altre piattaforme.

4 – Gli YouTuber dominano la scena. Ragazzini nerd con una buona parlantina diventano più influenti di giornalisti ed esperti del mondo videoludico con anni di esperienza. Il fenomeno, per il quale il giro d’affari comincia a diventare milionario, si allarga a macchia d’olio e tocca anche l’Italia.

3 – Annunciato il PlayStation Now. Il nuovo servizio di Sony servirà per giocare in streaming ai vecchi titoli di PS1, PS2 e PS3 su PS4, con l’ausilio anche della PS Vita. Al momento del lancio saranno presenti oltre 150 giochi che andranno così a risolvere il problema della mancata retrocompatibilità. Peccato che per il 2015 si prevede entri in vigore solo negli Stati Uniti.

2 – Xbox One viene venduto anche senza Kinect. Sembrava un tabù al momento del lancio 13 mesi fa, e invece a metà anno Microsoft, molto indietro nelle vendite rispetto alle aspettative, fa uscire Xbox One senza Kinect al costo di 399 euro. E recupera terreno su PS4. Averci pensato prima….

1 – PS4 è la console più venduta per 10 mesi di fila negli USA. Il mercato più importante del mondo abbandona l’americana Xbox One per favorire la giapponese PlayStation 4. Da gennaio ad ottobre le vendite di PS4 sono sempre superiori a quelle di Xbox One, e solo a novembre, dopo il taglio del prezzo dovuto all’eliminazione del Kinect, e grazie ad un grande Black Friday, lo strapotere viene interrotto. Ad oggi però la console Sony ha venduto quasi il doppio rispetto alla rivale.

Leggi anche

Videogiochi 2018: se non ci hai giocato ancora, è il momento di farlo! Prima parte

Come abbiamo già trattao in altri articoli, il 2018 è stato un anno molto positivo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *