curiosità xbox

10 curiosità su Xbox

Contenuto dell'articolo

Xbox 360 ha venduto, stando ai dati aggiornati a fine marzo 2015, 84 milioni e mezzo di pezzi; Xbox One ne ha piazzati altri 11,8 milioni mentre la prima Xbox oltre 24 milioni e mezzo. Potenzialmente sono un centinaio di milioni gli utenti che, in tutto il mondo, hanno avuto in mano la console di Microsoft. Si è detto e scritto molto su di essa, ma ci sono ancora almeno 10 curiosità su Xbox che molto probabilmente ancora non conoscevate, nonostante siate dei fans sfegatati.

Curiosità su Xbox

Non tutti sanno che Xbox non è stata la primissima console di proprietà della Microsoft. La casa americana infatti, prima di entrare in prima persona sul mercato, collaborò con SEGA sul Dreamcast che usava all’epoca il sistema operativo Windows CE ed il DirectX.

Per essere competitiva sul mercato, all’epoca dominato da PlayStation e Nintendo, Microsoft esordì nel 2001 con la prima Xbox venduta sottocosto. Per ogni console infatti la casa americana ci perdeva 125 dollari. In 4 anni di dollari ne ha persi 4 miliardi. Ovviamente però si è posizionata bene sul mercato e ne sta raccogliendo i frutti oggi.

Come accade ancora oggi, alcuni videogiochi vanno in “pensione” quando i server vengono spenti. Gli utenti di Halo 2, uno dei titoli di maggior successo sulla prima Xbox, si opposero alla chiusura dei server evitando di fare il log out. Si dettero così il cambio, lasciando le console accese, e continuarono partite in multiplayer per oltre un mese, fino a che non furono costretti a cedere e ad uscire dal gioco definitivamente.

Microsoft ha perseguito legalmente un ragazzino di nome Mike Rowe perché aveva aperto un sito chiamato MikeRoweSoft.com, nome che assomigliava molto, per assonanza, al nome della casa produttrice. Per convincerlo a cancellare il dominio gli regalarono…una Xbox con alcuni giochi in omaggio.

Curiosità su Xbox 360

L’esercito degli Stati Uniti possiede un elicottero a guida autonoma dotato di fucile di precisione.


Può sparare 10 proiettili al secondo ed è controllato da remoto con un semplice gamepad della Xbox 360. E non è uno scherzo né un videogioco! La potenza di questa console è talmente impressionante che la NASA ha fatto sapere che i computer che ha usato per lanciare alcuni dei suoi shuttle erano meno potenti della Xbox 360. Il primo computer utilizzato per lo shuttle, 30 anni fa, utilizzava appena l’1% della potenza della 360.

E che dire della tecnologia Kinect? Anche questa ha scopi militari: era infatti stata creata in Israele, in una base militare, e solo successivamente fu venduta per creare videogiochi. Gli israeliani si erano rivolti prima a Nintendo per vendere la loro tecnologia, ma i giapponesi la rifiutarono.

Rimanendo invece nel puro ambito videoludico, molti saranno a conoscenza del famoso Red Ring of Death, un problema che ha interessato i primi modelli di Xbox 360 e che colorava di rosso il famoso tastino dell’accensione della console, di fatto bloccandola e rendendola inutilizzabile. Ebbene, si calcola che ben il 54% degli utenti sia incappato in questo problema almeno una volta, un disastro considerando che lo stesso problema sulla concorrente PS3 si è verificato solo nel 10% dei casi.

Curiosità su Xbox One

Anche il costo dei gamepad della One non era uno scherzo. Per il suo sviluppo, Microsoft ha sborsato l’incredibile cifra complessiva di 100 milioni di dollari per un lavoro durato 10 anni. Ogni tasto si calcola sia in grado di sostenere fino ad almeno 3 milioni di pressioni.

Tra le storie incredibili riguardanti la Xbox One c’è anche quella della censura preventiva sui nomi ritenuti offensivi dal sistema. Un utente è infatti stato sospeso perché la città selezionata nel profilo scelto è stata Fort Gay. Lo staff di Xbox non era al corrente che in America esistesse davvero una città con quel nome, ma pensava che fosse un modo per insultare i gay, e lo ha bannato.

Leggi anche

Come condividere giochi su Xbox e risparmiare

Contenuto dell'articolo 1 Come attivare la condivisione dei contenuti su Xbox One2 Informazioni utili per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *